Sintomi di influenza aviaria nel cane

L’influenza canina (H3N8) è un virus di tipo aerodisperso altamente contagiosa che può causare malattie respiratorie e infezione nei cani senza eccezione per la razza o l’età.

Poiché l’influenza canina è una nuova malattia, c’è ancora molto da imparare da questo virus. L’influenza aviaria del cane (H3N8) è molto diversa dall’influenza aviaria stessa  (N5N1) che ha ucciso molti tipi, polli e persone nei paesi asiatici.

Quasi il 100 per 100 dei cani esposti all’influenza aviaria si infettano perché non hanno immunità naturale a questa malattia emergente e circa l’80 per cento dei cani infetti svilupperanno lievi sintomi influenzali nel range da due a cinque giorni dopo l’esposizione. Tuttavia alcuni di loro potrebbero non mostrare segni o sintomi, ma rimanere contagiosi per pochi giorni o settimane. Le condizioni e la malattia possono essere gravi per i cuccioli giovani, i cani anziani e i cani con un sistema immunitario basso o indebolito.

La maggior parte dei cani infetti si recupera completamente entro poche settimane, ma ci sono alcuni casi in cui, se non trattata, l’influenza canina può portare a polmonite.

L’influenza canina si modifica continuamente e ha la capacità di adattamento di infettare una grande varietà di animali.

Il periodo di incubazione per l’influenza nel cane è di circa quattro settimane. Se i cani infetti hanno avuto un buon trattamento con antibiotici, dovrebbero tornare alle condizioni normali. Il tasso di mortalità è molto basso.

Esistono studi molecolari che indicano che l’influenza canina è mutata dal virus dell’influenza equina, comunemente chiamata influenza del cavallo (H7N7 o H3N8). L’influenza equina è in circolazione da oltre 40 anni e non c’è alcun rapporto sulla malattia influenzale del cavallo trasmessa all’uomo. I ricercatori dei centri per il controllo delle malattie (CDC) sostengono che non v’è alcun indicatore che avrebbe mostrato una possibile trasmissione della malattia dai cani agli esseri umani . E il fatto che l’influenza canina e l’influenza equina sono strettamente correlate dimostra ancora una volta la credibilità di tali affermazioni.

I virus dell’influenza sono specifici per le loro specie ospiti e richiedono una mutazione drammatica per saltare ad altri specie, ciò che non è previsto nel prossimo futuro, quindi al momento, c’è nulla di cui preoccuparsi.

Diffusione e trasmissione dell’influenza aviaria nel cane

L’influenza aviaria nel cane è un virus di tipo aerodisperso che si diffonde o si trasmette ad altri cani vicini tossendo o starnutendo. Può anche essere diffuso per contatto diretto con superficie o secrezioni contaminate dal naso.

I sintomi possono essere osservati dopo 2-5 giorni di esposizione e il cane infetto ha la capacità di diffondere virus influenzale per 7-10 giorni.

Sintomi di influenza aviaria del cane

  • freddo
  • starnuti
  • tosse (persistenza 1-3 settimane)
  • tosse secca e hacking
  • soffocamento o  vomito dopo la tosse
  • svogliatezza
  • respirazione rapida, superficiale e difficoltosa
  • occhi che colano
  • depressione
  • perdita di appetito
  • disidratazione
  • perdita di energia
  • letargia estrema
  • scarico di colore giallo o verde dal naso
  • febbre alta oltre 40 gradi Celsius
  • infezione batterica secondaria (polmonite)

I sintomi dell’influenza del cane sono similitudini molto simili alla malattia della tosse del kennel (tracheobronchite).

Nel caso della presenza di qualsiasi di questi sintomi consultare il veterinario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*